Tenryuzanji

 tempio buddhista Tenryuzanji

Cinte Tesino (TN)

DSC_7268.JPG

il tempio buddhista Tenryuzanji di Cinte Tesino (TN) è stato fondato dal monaco italiano Seiun...

 con il proposito di creare una realtà con carattere peculiare di luogo di meditazione, studio, silenzio, raccoglimento e ascolto, dove poter far esperienza diretta di preghiera, meditazione e altre attività con finalità di una crescita interiore.

Il Tenryuzanji quindi propone diverse attività che vanno dalla meditazione, alla pratica delle arti marziali e per questo non può ridursi a semplice metà turistica.

Nella natura...

il Tenryuzanji si trova immerso nel cuore verde e pulsante del Tesino in provincia di Trento. È collegato al paese di Cinte Tesino da una strada sterrata in località Val Molin nelle vicinanze del torrente Grigno.

2004-12-12 023.jpg
 

Il Tesino si sviluppa nell'area meridionale delle Dolomiti, circondato dalla catena del Lagorai. Il versante nord che racchiude l'altopiano fa parte del Massiccio di Cima d'Asta: l'omonima montagna è raggiungibile da Pieve Tesino tramite la Val Malene. Da questi monti nasce il torrente Grigno, che scorrendo tra i comuni della conca, ha creato una profonda valle fino a Grigno, dove il torrente sfocia nel fiume Brenta.

Il lato sud della conca è delimitato dalle ultime montagne della sezione dolomitica, il Monte Mezza e il Monte Lefre: essi separano l'altopiano dalla valle sottostante, la Valsugana. Il lato orientale, invece, presenta massicci che separano il Tesino dalla provincia di Belluno e dalla Valle del Vanoi. Lungo questo fronte vi è il Celado, una vallata periferica.

I primi insediamenti dell'altopiano risalgono all'epoca romana. Transitava, infatti, per questi luoghi, la strada romana Claudia Augusta Altinate, un'importante via di comunicazione che collegava il porto sull'Adriatico di Altino con la città tedesca di Augusta. Resti della via sono presenti nei pressi di Castello Tesino.

Il tempio mantiene lo stile tipico di un maso trentino che indica una costruzione rurale tradizionalmente utilizzata per attività agricole. Infatti oltre a due immobili la realtà templare comprende anche un terreno di circa 20.000 mq. e offre ai visitatori uno spazio per la meditazione, lo studio e la preghiera secondo la tradizione buddhista. Viene richiesta la partecipazione a tutti i momenti che scandiscono la quotidianità religiosa monastica.

Per questo il Tenryuzanji non va inteso come luogo di vacanza o di svago.

- Nella disponibilità dell'accoglienza il monaco residente intende offrire ascolto alle esigenze di tutti coloro, buddhisti e non, che cercano dialogo e sostegno alle loro difficoltà e gioie quotidiane, al dolore e all inquietudine interiore. 

Secondo la tradizione buddhista il tempio di Cinte Tesino offre secondo le proprie capacità attuali la possibilità di essere ospitati a coloro che desiderano trascorrere uno o più giorni di meditazione e preghiera, ma anche periodi più lunghi di ritiro.

 

Ven. Seiun

DSC_7303.JPG

Inizia il suo percorso buddhista all'età di 17 anni frequentando alcuni centri delle tradizioni Gelugpa e Soto-shu in Italia.

Nel ’99 si reca in Giappone dove viene accettato dall’ordine Shugendo, tradizione nata dal sincretismo tra Shinto e gli insegnamenti MIkkyo del buddhismo Kongojo (buddhismo Vajrayana o Tantrayana) e dopo un periodo di noviziato riceve l’ ordinazione di Yamabushi (monaco di montagna) con il nome religioso di Seiun.

Dopo qualche anno diviene discepolo personale del Granmaestro Ven. Shimazu Kokai, 87° abate del tempio Kotakuji dell’ Haguro Shugendo, ricevendo da questi il nome di Dosho. Ancora oggi mantiene un rapporto di discepolato con questo maestro approfondendo le pratiche e gli insegnamenti della tradizione del buddhismo di montagna. 

Con una lettera di presentazione, nel 2002 viene introdotto dal suo maestro al Ven. Ichishima Shoshin 36° maestro abate del tempio Senzoji Tenryuzan e Kangaku (consigliere) dell’ordine Tendai-shu (scuola Mahayana-Vajrayana), diventando suo discepolo personale e nel 2004 riceve dallo stesso l'ordinazione con il nome di Fushin. Riceve dal suo maestro la trasmissione orale riguardo diverse tecniche di meditazione “Shikan” (samatha/vipasyana), sulla pratica del Nenbutsu (pratica rivolta al Buddha Amida), sul metodo di Kamalashila e sullo studio del Sutra del Loto.

Nel 2008 riceve in Srilanka l’ordinazione secondo la tradizione buddhista Theravada ricevendo il nome religioso di Dhammadara.

Grazie alle sue ordinazioni e forte del supporto dei suoi due maestri, il monaco Seiun si identifica come monaco Buddhayana (Butsujo), ossia dell’ “Veicolo di Buddha” in accordo con la filosofia Tendai di Saicho che vede in tutte le diverse pratiche di Theravada, Mahayana e Vajrayana la manifestazione dell’Unico Veicolo o Ekayana (Ichijo).

Il monaco Seiun è oggi impegnato con la creazione di un piccolo tempio di montagna immerso nel cuore pulsante del Lagorai in Trentino col nome di Tenryuzanji. Grazie alla sua adesione all'antico Vinaya monastico la comunità del tempio di Cinte Tesino è autorizzata ad utilizzare la denominazione Tendai-Risshu.

Da alcuni anni il monaco Seiun è membro del “Tavolo delle appartenenze religiose” della Diocesi di Trento e collabora con religiosi e credenti di varie confessioni per una reciproca conoscenza.

Partecipa da alcuni anni come relatore ai corsi formativi presso l’Azienda Ospedaliera di Verona.

Ha collaborato per sei anni con il consiglio direttivo dell’Unione Buddhista Italiana.

Vicepresidente dell’associazione Mettha di Verona e Sammasathi di Padova.

Ha preso parte al progetto “Le Vie dei Parchi” in collaborazione con la Prov. Di Trento.

È Membro attivo dell’associazione buddhista "Liberation Prison Project" che si occupa del l'insegnamento della meditazione e gestione delle emozioni a detenuti e agenti di polizia.

il monaco Seiun è sempre disponibile per incontri individuali e di gruppo, per benedizioni e insegnamenti sul l'insegnamento buddhista.